sostanze chimiche miscele pericolose

Notifica delle miscele pericolose (PCN)

La notifica delle miscele pericolose (PCN) è stata armonizzata in termini di informazioni da fornire e di procedura da seguire per tutti gli stati membri dell’Unione europea.

I fornitori hanno l’obbligo di notifica delle miscele  pericolose (PCN) a specifici enti nazionali per rispondere ad emergenze di carattere sanitario.

Tale obbligo vigeva in Europa da diversi anni, con modalità e tempistiche diverse per i diversi Stati membri. I fornitori si ritrovano a dover trasmettere notifiche diverse per un prodotto a  immesso sul mercato di più paesi europei.

Notifica miscele pericolose (PCN)

Il regolamento n. 2017/542, introducendo l’allegato VIII al CLP, ha stabilito quali sono le informazioni da notificare.

I dati sono quelli per identificare il fornitore, la miscela, la formulazione e la classificazione più due novità:

  • il codice UFI (Unique Formula Identifier)
  • la categoria di prodotto secondo un sistema armonizzato di categorizzazione dei prodotti (PCS) dell’UE.

Il primo è un codice univoco da stampare sull’etichetta del prodotto che permetterà ai centri antiveleno di identificare in modo inequivocabile la formula di una miscela e risalire alle informazioni notificate dal fornitore.

Il sistema europeo di categorizzazione dei prodotti (EuPCS), gestito dall’ECHA, è utilizzato per descrivere l’uso previsto di una miscela per il quale deve essere trasmessa una notifica. Il sistema, attualmente, è un albero gerarchico a cinque livelli contenente circa 250 categorie di prodotti.

La notifica delle miscele pericolose (PCN) segue tempistiche graduali:

  • prodotti ad uso del consumatore e professionale: 1° gennaio 2021
  • prodotti ad uso industriale: 1° gennaio 2024
  • prodotti notificati secondo le precedenti procedure: 1° gennaio 2025.

In Italia, l’archivio Preparati pericolosi dell’Istituto superiore di sanità è l’ente preposto a ricevere le notifiche delle miscele pericolose (PCN) e dei detergenti (indipendentemente dalla classificazione). Il decreto 28 dicembre 2020 ha modificato l’allegato XI del D.Lgs. 65/2003 e ha “ufficializzato” le nuove procedure di notifica per le miscele pericolose. Ciascuna azienda deve versare all’ISS una tariffa pari a 50 euro per anno indipendentemente dal numero di prodotti notificati.

Per maggiori informazioni consulta i nostri articoli sull’argomento oppure contattaci.